mercoledì 8 agosto 2012

Apertura serale degli Uffizi


Pasquale Stroia mi ha segnalato una cronaca di una visita notturna agli Uffici, scritta da una persona innamorata di Firenze e dei suoi musei, che però ha dovuto fare i conti con una realtà diversa da quella sperata.
Non riporto tutta la cronaca, già definita “agghiacciante”, ma solo pochissime righe, sufficienti però ad illustrare ancora una volta quale sia l’attuale modello di accoglienza dei Musei: l’ennesima conferma che le nostre battaglie per un diverso modello gestionale dei musei, sono sacrosante.

Passato il metal detector, arriviamo di fronte alla biglietteria dove cartelli intimidatori dichiarano che l’ingresso costa 11 euro e si può pagare solo in contanti (No credit card!), si raccomanda di preparare il denaro giusto, perché hanno problemi di resto. Negozi chiusi (scordatevi di comprare il catalogo!).
Scortati a vista dai custodi che ricordano (con una gentilezze modello Auschwitz) che non si possono fare foto (perché a Madrid e New York invece si può?)
Poi alle 21.30 “Signori si chiude!”
Ma non era l’apertura serale?

L’intera vicenda è descritta qui: http://ioamofirenze.blogspot.it/2012/08/visita-notturna-agli-uffizi-che.html?spref=tw


Nessun commento:

Posta un commento