domenica 24 febbraio 2013

tipologie di case museo



Case di uomini illustri, abitazioni di scrittori, artisti, musicisti, politici, eroi militari, imprenditori...cioè di personaggi famosi internazionalmente o in grado di incarnare localmente i valori e le qualità in cui la comunità si riconosce attraverso cui si presenta.

Case di collezionisti, dimore volute, ideate, arredate da collezionisti, e dunque documenti del gusto del collezionare e dell'abitare di un determinato periodo storico.

Case "della Bellezza", dimore dove la prima ragione per l'esistenza del museo è la casa come opera d'arte, vuoi per la struttura architettonica, vuoi per gli arredi e decori mobili, vuoi per la coerenza complessiva del progetto.

Case testimoni di eventi storici, case che commemorano un evento o che rappresentano efficacemente i mutamenti stessi vissuti dalla società del tempo, attraverso i cambiamenti della qualità della vita quotidiana e domestica.

Case volute da un comunità, case trasformate in museo non per particolari ragioni storiche o artistiche ma perché la comunità locale le ha viste come uno strumento in grado di preservare la memoria e come luogo ideale per attività culturali.

Dimore nobiliari, ville e palazzi dove generazioni di una stessa famiglia o di famiglie che vi si sono succedute hanno lasciato i segni della propria storia.

Palazzi reali e luoghi del potere, regge e dimore ormai storicizzate e completamente musealizzate o (come spesso avviene all'estero) ancora parzialmente utilizzate per l'originaria funzione.

Case del clero, monasteri, abbazie e altre residenze ecclesiastiche aperte al pubblico con un uso residenziale sia passato che attuale.

Case a carattere etnoantropologico, documenti di un mondo scomparso, come le case contadine in una società preindustrializzata. Queste case museo hanno avuto in tempi recenti una rinnovata fortuna, legandosi spesso agli ecomusei, luoghi capaci di parlare di una comunità attraverso il paesaggio, le manifestazioni della vita e del lavoro, e dunque anche grazie alle forme dell'abitare.

Tratto da: Rosanna Pavoni, "Case museo in Italia", Gangemi Editore, Roma 2009

Nessun commento:

Posta un commento