venerdì 27 giugno 2014

I piccoli musei devono essere ad ingresso gratuito, parola di ....


"Non ha senso che il museo di Figline Valdarno o quello di Bassano siano a pagamento, sono istituzioni che vivono per essere al servizio dei i cittadini, per essere lo spirito della loro civiltà. (...)
il modello inglese, che è il più avanzato, ci dice che i musei devono essere gratuiti. È uno degli atti di civiltà dello Stato: la scuola, i musei, le biblioteche non devono presupporre tasse. Come una persona che abbia voglia di leggere un libro può andare tranquillamente in una biblioteca, così deve poter fare un’altra che vuole osservare un quadro di Botticelli. Trovo insensato far pagare per entrare nei musei, se si aumentano i biglietti si avrà una diminuzione nel flusso e si creeranno delle storture, nessuno andrà più a vedere le mostre, avremo un calo dei visitatori, perché il museo deve essere amico del cittadino, della sua formazione».

Così Vittorio Sgarbi in questa intervista:
http://insideart.eu/2014/06/20/biglietti-dei-musei-parla-sgarbi-italiani-gratis-paghino-solo-gli-stranieri/

"I piccoli musei bisognerebbe renderli gratis. Prenda il Carlo Bilotti: ha 18 De Chirico, ma ogni visitatore ci costa 45 euro. Bisognerebbe eliminare la biglietteria, spostare il personale alle Scuderie del Quirinale: dove davvero serve". 
Intervista al Sindaco di Roma, Marino:
http://www.repubblica.it/cultura/2014/06/27/news/marino_cultura_roma-90117903/?rssimage

Nessun commento:

Posta un commento