lunedì 31 agosto 2015

Il museo non può essere inerte


Riprendo di seguito un post di Caterina Pisu pubblicato qualche tempo fa sulla pagina Facebook dell'Ass.ne Nazionale Piccoli Musei:
"E' chiaro che se un museo è "inerte" non è utile alla sua comunità, ma questa, come afferma giustamente Giancarlo Dall'Ara, è una questione di gestione. Se il direttore di un piccolo museo si limita ad aspettare alla porta che entri qualcuno, credo che debba pensare a cambiare mestiere. I musei possono fare tantissimo in termini di inclusione, mediazione sociale, istruzione permanente degli adulti, ecc. Il coinvolgimento della comunità di riferimento - dovrebbe essere ormai un concetto acquisito - è una delle priorità più importanti dei musei, soprattutto dei più piccoli. Anziché pensare a chiuderli, dunque, perché non impegnarsi a capire come quei musei possono essere utili alla società? E non si torni a giustificarsi con la mancanza di fondi, perché tante di queste iniziative possono essere realizzate a costo zero."

https://www.facebook.com/pages/Associazione-Nazionale-Piccoli-Musei-APM/353933627964466?ref=hl

1 commento:

  1. Riporto un bel commento postato sulla pagina Facebook dell'APM di Michele Santoro : "Il dialogo tra Musei e comunità non può che essere naturale e continuo...semplicemente perché questi luoghi sono "casa", "angoli di ricordi", "specchio" delle comunità...anzi i (Piccoli) Musei SONO le comunità stesse. Chiudere un Museo significa cancellare l'anima di quella specifica comunità...un atto che dissacra la propria casa. Che istituzioni e persone riflettano prima di farlo...e bene..."

    RispondiElimina