domenica 20 dicembre 2015

Una riflessione sulla tomba etrusca rinvenuta a Città della Pieve


Come forse saprete a Città della Pieve (PG) è stata recentemente scoperta una tomba etrusca.
Ora l'eccezionalità di questo avvenimento non è solo nel ritrovamento di un sito importante, o nella qualità della conservazione dei sarcofagi o delle urne cinerarie, o nella finezza di statue e suppellettili ritrovate. C'è qualcosa di più profondo in tutto questo, che riguarda le persone, i cittadini di Città della Pieve e la passione con la quale hanno seguito il ritrovamento prima, la collocazione delle statue nel Museo della Chiesa di Santa Maria dei Servi, e la grande partecipazione alla presentazione avvenuta il 19 dicembre 2015.
Di tutto questo è testimonianza un intervento che in parte vi propongo di seguito, e che mi pare dica molto sul rapporto cultura/comunità locale:


"I pievesi si sono identificati in questa tomba, nel suo contenuto e nel suo percorso di ritrovamento, di valorizzazione e  di tutela. Perché sono abitanti di una città che come companatico fin da bambini, nelle scuole, nelle piazze, nelle chiese e nei paesaggi, ti da da mangiare arte, cultura e storia. Perché sono una cittadinanza che da tanto tempo ha fatto della memoria non solo il suo tratto distintivo, ma anche il contenuto della sua scommessa per il futuro. Perché i pievesi hanno ricevuto tanti “schiaffoni”in questi anni, tante declassazioni, tanti furti, ma non hanno mai cessato di ritenersi “cittadini” cui spetta la giusta dote di dignità. Ed allora ecco che la prima occasione che si presenta non la mollano, la azzannano come un osso da cui può dipendere una ripresa,una rinascita, una nuova scommessa. E poi c’è il frutto del lavoro di squadra, che rende sempre, che unifica e nello tesso tempo moltiplica. Lo hanno ricordato tutti. i tanti protagonisti che si sono attivati hanno  creato un detonatore che ha fatto esplodere una vicinanza, un interesse, una voglia di presenza, di  protagonismo che tra l’altro è solo all’inizio." 
intervento tratto da: http://www.corrierepievese.it/tomba-etrusca-folla-a-santa-maria-dei-servi/
Il Museo della Chiesa di Santa Maria dei Servi conserva anche affreschi del Perugino e merita davvero una visita! 

Ecco una piccola rassegna stampa sul ritrovamento:
http://www.artribune.com/2015/12/grande-scoperta-in-un-terreno-agricolo-in-umbria-ecco-le-immagini-dei-due-grandi-sarcofagi-etruschi-venuti-alla-luce-a-citta-della-pieve/sarcofagi-etruschi-rinvenuti-a-citta-della-pieve-3/

http://www.umbria24.it/citta-della-pieve-centinaia-in-fila-per-la-tomba-etrusca-ora-caccia-a-finanziamenti-ed-esami-del-dna/382446.html

https://www.halleyweb.com/c054012/po/mostra_news.php?id=224&area=H

http://www.perugiatoday.it/cronaca/presentazione-scoperta-necropoli-etrusca-citta-della-pieve.html

Nessun commento:

Posta un commento