mercoledì 25 ottobre 2017

Piccoli musei, musei creativi


Sintesi della relazione di Giancarlo Dall’Ara al convegno del 13 ottobre a Trento, sui piccoli musei Narratori di Luoghi
Presidente dell’Associazione Nazionale Piccoli Musei

In Italia ci sono oltre 10 mila musei, una realtà straordinaria che fa del nostro, il paese leader in Europa per numero di musei.
Il 95% dei musei italiani è di piccola dimensione, un dato che dice molto sulla specificità della nostra proposta culturale e sulle motivazioni di questo incontro.
Ciò che forse non è ancora sufficientemente chiaro è che lo scenario dei piccoli musei è molto cambiato in questi anni. A fianco di tante realtà che faticano ad operare, sono sempre più numerose le esperienze di successo, anche in Trentino, che possono essere considerate “casi di studio”, “modelli di riferimento”. Quelle esperienze suggeriscono quali siano le condizioni minime perché un piccolo museo possa svolgere al meglio le proprie funzioni, nonostante i limiti che tradizionalmente possono caratterizzare la piccola dimensione (risorse inadeguate, personale limitato o assente…).
La tesi che vorrei sostenere è che la piccola dimensione può essere un punto di forza, un vantaggio e un valore per un museo, ma richiede ai musei di fare rete tra di loro e di essere più creativi.
Un piccolo museo può svolgere i suoi compiti istituzionali di tutela, conservazione e valorizzazione dei beni culturali e contemporaneamete raggiungere obiettivi importanti (anche in termini di numero di visitatori) se non si limita a riproporre in scala ridotta le esperienze di visita dei grandi musei - perché un piccolo museo non è un grande museo “rimpicciolito” - e se adotta un modello gestionale accogliente sia nei confronti della comunità locale che dei visitatori, che riesca a trasformarlo in una esperienza unica e irripetibile.
L’occasione di questo convegno è anche quella di fare proposte per i piccoli musei del Trentino interessati.
Si può essere creativi nella gestione, nelle esperienze di visita proposte, nelle modalità espositive, nelle attività didattiche e di animazione, nel modo di accogliere i visitatori o di rapportarsi con il territorio, e anche nel modo di fare rete con altri piccoli musei.

Sono almeno due le condizioni per il successo di un PM, le condizioni cioè perché un PM possa raggiungere i suoi obiettivi e creare valore per un territorio: (1) essere consapevoli delle proprie “specificità” e orgogliosi della propria dimensione, e (2) mettere al centro le persone, la grande risorsa dei Piccoli musei.

Nessun commento:

Posta un commento