mercoledì 29 dicembre 2021

Un ultimo dell’anno pieno di conferme per i Piccoli Musei

 Un ultimo dell’anno pieno di conferme per i Piccoli Musei

Tra il 24 e il 27 dicembre sono usciti i risultati del bando per la ripartizione del Fondo per i Piccoli Musei per l’anno 2021. 

Inutile negare che l’Associazione Nazionale dei Piccoli Musei (APM) aspettava da tempo questa notizia, che concretizza l’impegno che sta portando avanti ormai da oltre quindici anni, per far conoscere questa importante e sottovalutata realtà museale italiana, di gran lunga la più capillarmente diffusa in tutto il territorio nazionale.

L’istituzione del fondo e la conseguente emanazione del bando hanno permesso per la prima volta, sottolineiamo per la prima volta,  non solo la possibilità di destinare un finanziamento specifico ai piccoli musei ma anche di giungere, finalmente, ad un riconoscimento effettivo da parte del Ministero della Cultura di questi musei, che sono stati puntualmente descritti nelle loro caratteristiche proprio attraverso il testo dell’avviso che ha recepito concetti diffusi da tempo da APM.

Il risultato è stato eccezionale, hanno partecipato oltre mille istituti museali di cui 702 ammessi al finanziamento.

Il bando ha previsto due distinte edizioni per un budget complessivo di tre milioni di euro. 

Sono stati molti i musei soci dell’Associazione finanziati, ma come ci aspettavamo, lo sforzo di APM ha permesso di premiare una realtà ancora più articolata, che interessa in pratica tutte le regioni. Gli indici di ammissibilità anche se tra le regioni non del tutto omogenei, nella stragrande maggioranza dei casi superano le trenta unità a regione, con picchi per la Toscana (71) e la Sicilia (75).

Ci sentiamo in dovere di ringraziare l’impegno di diversi parlamentari che ci hanno ascoltato in questi anni, ma è doveroso rivolgere un particolare grazie all'ex Sottosegretaria On.le Anna Laura Orrico per l’istituzione del fondo e al Direttore Generale dei Musei Massimo Osanna, che davvero ha fatto di tutto perché arrivasse questa notizia entro la fine del 2021.

Come succede spesso, nell’avviare nuovi e innovativi percorsi di lavoro è necessario analizzare in maniera puntuale i risultati per metterli a fuoco, in vista dei nuovi appuntamenti. Non possiamo infatti dimenticarci  degli esclusi, tra cui anche istituzioni museali che hanno fatto in tutti questi anni con il loro impegno la storia di APM,  le cui difficoltà, rispetto alla griglia dei criteri di ammissione prevista dal bando, potranno rappresentare argomento di ulteriori valutazioni future.

Per queste ultime considerazioni e soprattutto per poter monitorare adeguatamente il compimento di questa prima stagione progettuale, ci sembra fondamentale la nascita dell’Osservatorio Nazionale dei Piccoli Musei, per altro organismo previsto dal decreto che ha istituito il fondo stesso.


http://musei.beniculturali.it/notizie/notifiche/fondo-per-il-funzionamento-dei-piccoli-musei?fbclid=IwAR38JGsx7mMOnul0LiqF_gGHzoD2kLvzDXLxLuoCodxF-inPHSb2dZlmtvM


Nessun commento:

Posta un commento